Natura, astrazione, nuovi sguardi sul mondo: le anteprime dei tappeti al “supersalone”

design

Campiture by Elisa Ossino for Amini 

Interpreti sensibili del nostro gusto per l’abitare, i tappeti si rinnovano guardando ai temi che animano il presente. Tra valorizzazione del femminile e della resilienza del mondo naturale. 

 

Uno stimolo visivo per arricchire il proprio gusto di ritrovarsi a casa. Ma non solo: se i tappeti sono parte integrante delle nostre vite da millenni – incarnando per le culture nomadi la stessa idea e struttura di casa – è anche perché quest’oggetto dall’anima antica continua ad esprimere oggi tutta la sua modernità: sollecitando il nostro corpo alle sensazioni scaturite dal contatto con il suo materiale – non ne abbiamo forse bisogno in tempi di crescente digitalizzazione? -, o anche raccontando storie capaci di donare ispirazione e stimoli per il futuro. 

Le novità presentate al “supersalone” del campo dei tappeti incarnano perfettamente questa duplice capacità di parlare di un passato ancestrale e di interfacciarsi con la contemporaneità. È il caso di cc-tapis (Pad 02, Stand H 10), marchio italiano con cuore francese e produzione nepalese che celebra quest’anno i dieci anni di attività con tre nuove collezioni di ricca ispirazione. Con la prima di queste, Venus Power, Patricia Urquiola lancia il suo tappeto-manifesto, un invito a riscoprire le qualità del femminile e il suo potenziale di energia ed empatia. A lei si affiancano il duo Muller Van Severen, che con Ombra lavora sulla restituzione ottica di effetti in tre dimensioni, e l’artista italiano Edoardo Piemattei, che con Dagallà – parola ispirata all’arabo “dag allah”, “salvato da dio” – ci parla della resilienza delle piante saponarie che emergono dal paesaggio dell’Etna: un inno alla vita e alla sua capacità di rigenerazione.  

CC-tapis

CC-tapis. Photo by Claudia Zalla 

Sceglie l’ispirazione guidata dalla natura anche Illulian (Pad 01, Stand D 04), che con i nuovi tappeti in collezione – The Cloud di Studio Fuksas e Veneer di Arik Levi – esprime attraverso intriganti disegni astratti la ricchezza dei microcosmi naturali ispirati tanto al carattere arioso dell’elemento celeste che alla sovrapposizione di layer che caratterizza l’ambiente terreno. 

illulian

The Cloud by Studio Fuksas for Illulian 

Flamboyant e sempre ricco di intricati colpi d’occhio, il marchio tedesco Jan Kath (Pad 02, Stand O 12) si lascia invece ispirare dal periodo barocco e guarda con Savonnerie Surprise ai lussureggianti disegni botanici che nella Parigi del XVII secolo decoravano pareti e oggetti d’artigianato. L’uso di piante e fiori non è però citazionistico, ma integra e fa spazio a colori piatti e finiture cangianti, trasformando il tappeto in un vero e proprio spazio mentale dove combinare rese e suggestioni diverse.  

Jan Kath

Jan Kath 

Sono due le collezioni che il marchio Amini (Pad 02, Stand J 24) presenta in anteprima al “supersalone”. La prima, firmata Elisa Ossino, si chiama Campiture ed è un esercizio formale incentrato sulla leggerezza e sulla sottrazione della composizione geometrica restituita dalle intersezioni di linee. La seconda, RD Gris, è stata sviluppata da Rodolfo Dordoni come tributo alla figura del pittore spagnolo Juan Gris, la cui anima cubista viene restituita attraverso uno studio attento sulla resa materica delle palette di colori prossime all’opera dell’artista. 

amini

RD Gris by Rodolfo Dordoni for Amini 

Un’altra ispirazione dal mondo dell’arte è quella che guida le novità che Sarhai (Pad 01, Stand C 14) presenterà in fiera: l’opera dell’artista tedesco Christian Hetzel dà spunto alla collezione “Tranquillity”, un invito a filtrare e rallentare facendo del “less is more” una filosofia formale e di vita. A questa si affianca, per la linea Designers Selection Collection, anche la nuova collezione Strati del russo Mike Shilov, audace combinazione di colori che si sovrappongono tra di loro sollecitando lo sguardo alla ricerca di contorni sempre mutevoli. 

sarahi

Sarhai 

Essenziale e lineare, il marchio danese Linie Design (Pad 03, Stand C 11) fa dell’heritage del design scandinavo il suo punto di distinzione, pur reinterpretandolo con nuove punte di sofisticazione. Per la nuova Dimensuous collection, la designer Urd Moll Gundermann rivista il classico formato rettangolare e dà vita a composizioni astratte reinterpretate in colori morbidi e appaganti. Sceglie la via della semplicità anche Kymo (Pad 04, Stand M 05), che con la collezione Melting Point restituisce tutta la seduzione offerta dalle finiture metalliche, articolandone le sfumature cangianti con piccole variazioni tono su tono, mentre con la collezione Retro Lounge rispolvera tutta l’attualità del flokati, il classico tappeto a pelo lungo greco qui realizzato con lana proveniente dalla Nuova Zelanda. 

Kymo

Kymo

Melting Point, Kymo

Melting Point, Kymo. Visualization by 3Designedly Architectural Visualisation Studio

Salone del mobile Salone del mobile

Tra le novità presenti in fiera, non mancano quelle che si indirizzano specificatamente al mondo del contract. A questo settore guarda infatti Nanimarquina (Pad 02, Stand B 23) con The Formula Contract, una soluzione flessibile capace di adattarsi a qualsiasi progetto su larga scala attraverso la proposta di 250 possibili combinazioni declinate su cinque modelli e 30 colori disponibili. Per testare le potenzialità e le rese dei tappeti, un configuratore online si offrirà come strumento di supporto e puntuale verifica a disposizione di designer e architetti.   

Nanimarquinia

Nanimarquinia 

12 settembre 2021