Focus on Massimo Adario

00_H_Massimo_Adario_A1

Casa in Santa Maria Formosa, Venezia, ph. Barbara Rossi

Gli interni dell’architetto romano trasportano in atmosfere cinematografiche, accoglienti e speciali, dove spesso colori tenui e materiali assertivi convivono con raffinati pezzi storici tanto quanto con accorgimenti progettuali ingegnosi.

Nome: Massimo Adario

Dove lavori? A Roma.

Il tuo account su instagram: @massimoadarioarchitetto

Descrivi di che cosa si occupa il tuo studio: architettura, interni, design.

Dove hai studiato? A Roma, poi due anni in Spagna.

Il progetto che stai seguendo in questo momento: portiamo avanti diversi lavori contemporaneamente e in questo momento in particolare stiamo preparando la consegna di una villa a Ponza.

Il progetto che sogni un giorno di realizzare: sono tanti i progetti che vorrei realizzare! Sicuramente avere una visibilità internazionale con un progetto di grande scala, un hotel per esempio, che veramente mi rappresenti è tra i miei sogni.

ART_01_MassimoAdario_2

Massimo Adario, ph. Barbara Oizmud

Il progetto che ti ha più influenzato: il Museo di Castelvecchio di Carlo Scarpa a Verona. Ogni volta che lo visito riesce a sorprendermi con qualche dettaglio che non avevo notato prima; quella di Scarpa è una sensibilità nel confrontarsi con l'antico che in Italia non può che essere un punto di riferimento.

L’elemento che non può mancare in ogni tuo progetto: sperimentare sui materiali.

Centro città o geografie remote? Impossibile scegliere

Qualcosa che hai in casa e che hai disegnato tu: il mio divano. ci sono voluti tre tentativi prima di azzeccarlo!

Cosa ti piace regalare?  Qualcosa che sia veramente pensato per l'altra persona e non una proiezione dei miei desideri.

Se in casa potessi costruire un passaggio segreto, dove porterebbe? In una pasticceria! buonissima ovviamente...

ART_02_MassimoAdario_3

Casa in via de Bardi, Firenze, ph. Cortili photo

Cosa fai di solito la domenica? Cerco, spesso invano, di staccare dal lavoro.

Il tuo posto preferito a Milano: i Musei del Castello Sforzesco di BBPR.

Lo studio Ubalt ti chiede qual è il tuo periodo storico preferito e perché: il periodo di sperimentazione dal dopoguerra a tutti gli anni settanta, in cui il design italiano ha lavorato a stretto contatto con l’industria.

Vorresti fare una domanda all'intervistato che verrà dopo di te? Sì, vorrei sapere cosa pensa del design italiano in questo momento!

G_01_MassimoAdario_4

Casa in via de Bardi, Firenze, ph. Cortili photo

G_02_MassimoAdario_5

Casa in via de Bardi, Firenze, ph. Cortili photo

G_03_MassimoAdario_6

Casa in via de Bardi, Firenze, ph. Cortili photo

G_04_MassimoAdario_7

Casa in via de Bardi, Firenze, ph. Cortili photo

G_05_MassimoAdario_8

Casa in via de Bardi, Firenze, ph. Cortili photo

G_06_MassimoAdario_9

Casa in via San Nicola, Sorrento, ph. Cortili photo

G_07_MassimoAdario_10

Casa in via San Nicola, Sorrento, ph. Cortili photo

G_08_MassimoAdario_11

Casa in via San Nicola, Sorrento, ph. Cortili photo

G_09_MassimoAdario_12

Casa in via San Nicola, Sorrento, ph. Cortili photo

G_10_MassimoAdario_13

Casa in via San Nicola, Sorrento, ph. Cortili photo

G_11_MassimoAdario_14

Casa in Santa Maria Formosa, Venezia, ph. Barbara Rossi

G_12_MassimoAdario_15

Casa in Santa Maria Formosa, Venezia, ph. Barbara Rossi

G_13_MassimoAdario_16

Casa in Santa Maria Formosa, Venezia, ph. Barbara Rossi

Salone del mobile Salone del mobile
18 marzo 2022