THE-BOOK_logo
05 Ruralation Hotel_HEADER

Quando il Contract incontra il Design

The-Book_cover
Salone del mobile

Una nuova linea editoriale per The Book Contract + Design che riflette sul design italiano, passando dalla dominazione dei pezzi cult alla sinergia del “sistema” arredo.

Nella sua introduzione, del numero di settembre della rivista The Book Contract + Design, Giulio Ceppi fa un interessante riflessione sull’evoluzione del design italiano. In principio caratterizzato da prodotti iconici di Maestri, quali i Castiglioni, Magistretti, Mari, Sottsass, Zanuso, è stato contaminato poi dal Contract in cui l’attenzione non andava più al singolo prodotto, ma verso un sistema coordinato d’arredamento. Non si trattava più di cambiare il mondo, ma di arredarlo. Così il Made in Italy è diventato internazionale, trainato da altri protagonisti come Lissoni, Urquiola, Citterio, Dordoni, Starck. Ora invece, secondo Ceppi, è il momento della contaminazione tra il prodotto, quindi design, e il sistema, quindi il contract. Ridare importanza al prodotto, esaltandone il know-how e la qualità, come ha fatto Agnese Lonergan nel suo articolo “Lost in design” presentando una carrellata di oggetti iconici e senza tempo in esposizione al “supersalone” e negli showroom in città. Tra le aziende citate ci sono Janus et Cie, Minotti, Poliform, Flexform, Ethimo, LaPalma, Talenti, Living Divani, Zanotta e molte altre.

 

 

Crediti

Video: Michele Foti

Testo originale: Giulio Ceppi, Agnese Lonergan

Foto: courtesy The Book. Contract+Design

Magazine: The Book. Contract + Design

Editore: Contract network srl

Visita il magazine

9 novembre 2021