I tappeti di Jan Kath, design moderno e metodi tradizionali

JanKath_Tenno_Poms_137A1150_by Zhu Di

JanKath Tenno Poms by Zhu Di

Dalla techno music al tappeto fatto a mano: la passione del designer tedesco Jan Kath arriva da lontano e oggi è fatta di fiere e showroom in giro per il mondo, premi, come il Red Dot e il Carpet Design Award, ispirazioni atipiche ed esposizioni nei musei più importanti del mondo

Come ha inizio la storia di un’azienda che conta 2500 persone, diversi showroom da Berlino a Vancouver e nel 2022 festeggia 25 anni?

Sono un figlio d’arte, se così si può dire. I miei genitori e nonni commerciavano tappeti di altissima qualità. Li compravano in tutto il mondo, Turchia, Afghanistan, Iran e Nepal, poi li vendevano alla clientela tedesca. Come succede in questi casi, dopo un’infanzia passata sui tappeti, ho avuto una sorta di distacco. Non ho mai voluto seguire le orme di famiglia, mi dicevo non fosse il mio destino. Nella testa avevo solo musica, viaggi e zaino in spalla.

Che non è affatto un destino da trascurare!

Ho iniziato a viaggiare in India, seguivo grandi concerti, una volta ero a Goa, l’altra in Nepal. Un giorno mi ritrovo con le tasche vuote ma senza nessuna intenzione di tornare. Magicamente incontro un amico di mio padre per strada che produce tappeti in Nepal e Kathmandu. Si lamenta del fatto di dover viaggiare tutto il tempo per verificare la qualità dei tappeti, per lui è troppo noioso. “Lo faccio io” gli dico. Ho iniziato a occuparmi del controllo qualitativo dei tappeti. Dopo due o tre anni, sono diventato responsabile della produzione. Da cosa nasce cosa, e da lì, non avendo abbastanza denaro per assoldare designer, me ne sono occupato personalmente.

Eri un autodidatta, senza nessuna scuola o corso?

Sì, un selfmade designer, ma con una profonda conoscenza dell’artigianato dei tappeti appresa in famiglia. È vero, è un’arte che non ho imparato all’università, ma che è venuta fuori con l’esperienza.

Cosa raccontano i tuoi tappeti?

Sono parte della mia storia, hanno una estetica particolare. C’è Bochum, in Germania, con l’architettura industriale. C’è Essen con le miniere e la bellezza del vecchio. Poi il cielo sull'Himalaya, tovaglie a New York e i viaggi di una vita. L’ispirazione della Spectrum Collection è l’aurora boreale, vista d’improvviso su un aereo dalla Mongolia alla Germania. In quel caso ci sono voluti due anni per affinare le tecniche, ci sono molte sfumature di colore morbide. Sembra facile ma non lo è affatto, provo a spiegarlo prendendo le parole dalla fotografia: un’immagine consiste in tanti pixel, così come un tappeto è fatto di tanti nodi. Ognuno di essi può avere diversi colori, per questo dobbiamo realizzare una singola lana per ogni nodo. Ci abbiamo messo anni per affinare questa tecnica, oggi abbiamo bisogno dei migliori tessitori del mondo.

Jan Kath Test Anschnitt

Jan Kath Test Anschnitt

Quali sono le novità per il prossimo anno?

Al momento ci sono molti disegni su telaio abbastanza impegnativi che credo saranno pronti solo all’inizio dell’anno. Avremo nuovi pezzi della Spectrum Collection, un nuovo tono della Savonnerie Collection e per la prima volta ci saranno designer e artisti a immaginare nuovi filati.

Il Salone del Mobile, il Fuorisalone, Milano: qual è l’energia che si respira?

Milano è molto speciale, tutti hanno a che fare con la moda e il design, hanno come una sorta di abitudine alla bellezza. È così bello camminare per la città, non solo durante il Salone, ma sempre. Ed è incredibile vedere come alle persone piaccia particolarmente lo stile, l’eleganza: il lifestyle milanese offre una grande ispirazione. Durante il Salone c’è una energia osmotica, quella di rivedere amici, stare insieme, è il primo evento internazionale a cui tutti ambiscono partecipare. Anche Parigi è una bella città dove andare, abbiamo fatto diversi show anche a New York, ma Milano è una città totalmente diversa. I milanesi hanno il design nel Dna, è qualcosa che non si vede solo all’interno, ma anche all’esterno.

Quanto conta la sostenibilità per voi?

I clienti che comprano i nostri tappeti lo fanno perché sanno come lavoriamo, dobbiamo fare in modo che tutta la filiera della produzione dei tappeti sia controllata.

I progetti sono concepiti utilizzando un computer presso il centro creativo di Bochum e inviati via internet ai laboratori in Nepal, Thailandia, India, Marocco o Turchia, Jan Kath è intransigente quando si tratta di produrre i suoi design moderni e insiste che si utilizzino vecchi metodi di produzione.  Per la tintura vengono utilizzati solo coloranti ecologicamente testati e naturali. C’è un grande rispetto per i lavoratori e le lavoratrici che tessono i tappeti, per i loro ritmi lavorativi e l’ambiente.

Pascal diceva che ci affanniamo a capire il senso della vita, quando dovremmo invece pensare la vita come un arazzo. Noi siamo dentro quell’arazzo, dispersi nel groviglio senza senso dei nodi. Ma quando saremo dall’altra parte, dopo la morte, potremo vederne il disegno.

È una bella metafora. Per quanto ne so è interessante notare che se in una stanza c’è un tappeto alla fine tutti si fermeranno lì, nel mezzo, a parlare, a chiacchierare, a sedersi, a giocare. Il tappeto è sempre il cuore della stanza, cambiano la temperatura e il calore, muta il rumore. Inoltre, dà memoria, fa parte della storia di famiglia. Non è un divano, rimane e dura di più. E difficilmente te li dimentichi.

 

Visita la pagina dell’azienda

Jan Kath_Fam

Fam,-250cmx300cm

Jan Kath_Jardin de Paris Blotted

Jardin de Paris Blotted, 300cmx400cm

Jan Kath_Myrdal-Basic

Myrdal-Basic,-250cmx300cm

Jan Kath_Narvik

Narvik,-250cmx300cm

Jan Kath_Tentation Douce Wrapped

Tentation Douce Wrapped, 298cmx398cm

Jan Kath_Voss

Voss,-250cmx300cm

Salone del mobile Salone del mobile
19 novembre 2021