Roberto Lazzeroni, professione designer

HEADER LAZZERONI

Divano Alfredo, Flexform

Aspettando il supersalone. Il progettista toscano, che a settembre non mancherà l’appuntamento di Milano, si racconta: tra riflessioni per il futuro, vecchie abitudini e un “ottimismo della ragione”.

Di giustezza, perfezione e bellezza: un anno a progettare in smartworking, il supersalone in arrivo e nuovi progetti da presentare: Roberto Lazzeroni, il designer toscano che vive in una casa giardino a Pisa, racconta ritualità, pensieri sul futuro e il suo design sentimentale.

00_LAZZERONI-PORTRAIT
Manca poco al supersalone. Ci vediamo là?
A settembre ci sarò, e spero che ci sia tanta altra gente. Presento una collezione di componibili per Giorgetti, un progetto nuovo di imbottiti con un disegno organico molto interessante, con un segno preciso che esce fuori dalla tipologia classica. Giorgetti è un’azienda speciale che continua, rispetto al mercato, ad avere una trasversalità: qualsiasi prodotto pensato per loro deve avere queste caratteristiche. Poi ci sarà una collezione outdoor per Poltrona Frau, la prima volta per loro, si tratta di un prodotto in legno di teak, realizzato con segni molto sottili ed estremamente fini.
Che ne pensa di questa nuova veste del supersalone?
Devo dire che potrebbe essere stimolante come formula perché per tutti noi potrebbe voler dire raccontare i prodotti in modo diverso, non in maniera banalmente commerciale. Il supersalone diventa magari un momento in cui può essere interessante narrare, a partire dai prodotti, le storie di un’azienda con un’ottica più affascinante e meno di mercato. Da una parte c’è un grosso punto interrogativo, dall’altra potrebbe anche diventare una consuetudine.
Ha routine particolari quando arriva il Salone?
È un evento che travolge tutti, certo ho una serie di ritualità che mi permettono di trovare casa mia anche a Milano. Vado spesso al ristorante Torre di Pisa e l’albergo è sempre lo stesso. Spesso vivo anche il Fuorisalone per l’energia alternativa che si respira. Mentre il Salone, a volte, sembra una vecchia signora un po’ sgualcita, celebrativa e un po’ pomposa, con le iniziative del Fuorisalone la narrazione non è mai appiattita. Mi ricorda quando ho iniziato la professione di designer e lavoravo alla Gufram. È davvero un altro mondo, pieno di sperimentazioni.
È positivo?
Il Salone del Mobile ogni anno è incredibile, mi piace meno l’idea consumistica di disegnare prodotti solo per l’occasione, prodotti di cui, tra l’altro, ne resteranno pochi. Siamo schiavi di un sistema capitalista che però da tempo mostra i limiti.
02_LAZZERONI_giorgetti_HOUDINI-_17_HR

Houdini, Giorgetti

01_LAZZERONI_giorgetti_HOUDINI-_15_HR

Houdini, Giorgetti

03_LAZZERONI_giorgetti_Mizar_002

Mizar, Giorgetti

04_LAZZERONI_poltrona-frau_Martha_Roberto_Lazzeroni-(1)

Martha, Poltrona Frau

05_LAZZERONI_poltrona-frau_INFINITO-

Infinito, Poltrona Frau

06_LAZZERONI_poltrona-frau_GINGER

Ginger, Poltrona Frau

Salone del mobile Salone del mobile
C’è da dire che di mezzo c’è stato un anno e mezzo di stop.
Con la pandemia la situazione è peggiorata ulteriormente. Questa ricerca assoluta del profitto, anche un po’ stupida, doveva modificarsi. Ricordo che tanti anni fa, negli anni ’70 a Torino, veniva realizzata una sorta di Expo dove si presentava il prodotto in un modo sperimentale. Esisteva già l’idea di poter affiancare a un Salone merceologico votato al mercato qualcosa di diverso, dove si potessero fare delle narrazioni differenti.
Cosa abbiamo imparato in questi mesi?
Vorrei essere ottimista e dire che abbiamo imparato qualcosa, ma temo non sarà così. La pandemia ci ha fatto capire che non siamo solo noi al centro. Bisognerebbe ridimensionare l’ego, ognuno pensa di essere più importante dell’altro. Invece la pandemia ci ha insegnato che siamo connessi, attaccati tra di noi. Non si può risolvere il problema del singolo se non si risolve il problema collettivo. L’idea di sé al di sopra di tutto è una stupidaggine senza fine, anche nel design.
Come sono cambiate, se sono cambiate, le problematiche della casa?
C’è stato un proliferare dei progetti outdoor, come se si avvertisse il bisogno di tornare alla natura, alla campagna, a una vita meno costrittiva. Diciamo che c’è stata una riscoperta della natura, elemento che ci costringerà a riflettere sulla progettazione. Vivo in una casa con un giardino, si fa fatica a distinguere tra interno ed esterno, a capire dove finisce uno spazio e inizia l’altro, quindi per me il rapporto con la natura è sempre stato fondamentale. Anche lo smart working - che purtroppo ho avuto modo di sperimentare - porterà a cambiare gli spazi del lavoro.
Lei coniò negli anni ’80 il concetto di design sentimentale, oggi come oggi lo rivedrebbe?
Con il prodotto ho un rapporto speciale, avendo un catalogo approfondito delle forme e una conoscenza del passato, il mio rapporto è sentimentale. I miei progetti sono legati da elementi diversi rispetto alla funzionalità, più sensibili. Gli oggetti si possono toccare, guardare, hanno delle caratteristiche più femminili. Sentimentalmente si rifanno a cose del passato, possono essere banali citazioni, un recupero, un rifarsi sentimentalmente a un periodo, a un’epoca. Ma attenzione, nulla di nostalgico, tutto resta contemporaneo.
Nell’intervista ha sempre mantenuto un tono un po’ pessimista. Ci mandi un messaggio positivo.
Il mondo va avanti e troveremo soluzioni. Nonostante sembri il contrario, sono profondamente ottimista, altrimenti non potrei fare questo lavoro con impegno e convinzione. L’ottimismo è dato dal lavoro quotidiano, aldilà delle nostalgie e dei sentimentalismi. Lo chiamerei l’ottimismo della ragione, parafrasando qualcuno. Andiamo avanti lavorando in maniera importante, inseguendo l’idea di perfezione, di giustezza e di bellezza.
07_LAZZERONI_flexform_ALFRED-SOFA

Divano Alfredo, Flexform

08_LAZZERONI_flexform_DRAGONFLY-BENCH

Panca Dragonfly, Flexform

09_LAZZERONI_flexform_DROP-ARMCHAIR

Poltrona Drop, Flexform

10_LAZZERONI_ceccotti_d.r.d.p

d.r.d.p, Ceccotti Collezioni

11_LAZZERONI_ceccotti_Icolounge_CECCOTTI.11.20

Icolounge, Ceccotti Collezioni

12_LAZZERONI_baxter_JORGEN-Fronte_R

Jorgen, Baxter

Salone del mobile Salone del mobile
27 agosto 2021