Sei libri che riflettono sulla progettazione di sedie, tavoli e workspace

BookClub_SEDIE_Homework

Homework. Soluzioni di design per lavorare da casa

Da Hans J. Wegner a Carlo Scarpa, passando per il classico Autoprogettazione? di Enzo Mari. E alcuni tra gli studi più recenti su come stia cambiando il luogo di lavoro

Se si fanno i conti a grandi linee, ciascuno di noi che svolga un lavoro “intellettuale” e conduca una vita cosiddetta “sedentaria” può arrivare a trascorrere fino a 15 ore al giorno seduto. Di sicuro almeno otto, le ore d’ufficio, cioè un terzo della nostra giornata. Si capisce bene, allora, l’importanza anche progettuale della categoria sedie-tavoli e, perché no, workspace, lo spazio dedicato al lavoro, che la pandemia ci ha spinto a organizzare spesso anche nei nostri appartamenti.

Qui proponiamo una selezione di libri, tra classici e nuovi, a tema sedie, tavoli e workspace. A partire da una sorprendente antologia di racconti.

 

Book_Club_SEDIE_2_saramago

Oggetto quasi

Cosa succederebbe se gli oggetti smettessero di essere presenze passive nella nostra vita, puri oggetti d’utilizzo, ma assumessero invece capacità di pensiero, decisione e valutazione morale? È quello che si è immaginato lo scrittore portoghese José Saramago, premio Nobel per la letteratura 1998 nella sua raccolta di quattro racconti pubblicata per la prima volta nel 1978. Poco a poco, gli oggetti, tra cui una sedia e un’auto, diventano indipendenti e si impadroniscono della realtà. In Sedia, appunto, l’oggetto spinge l’uomo che vi è seduto sopra a cadere, come al rallentatore. I critici vi hanno ravvisato la metafora della fine del dittatore portoghese Salazar, morto cadendo da una sedia nel 1970. Ovviamente un messaggio surreale, quello dell’autore, ma un divertente e utile esercizio quasi metafisico che può diventare anche spunto progettuale.  

 

Titolo: Oggetto quasi

Autore: José Saramago

Casa editrice: Universale Economica Feltrinelli

Anno di pubblicazione: 2014 (ed. originale 1978)

Pagine: 136

Lingua: italiano

 

Book_Club_SEDIE_3_wegner

Wegner: just one good chair

Pubblicato in occasione del centenario della sua nascita, il libro celebra le sedie di Hans J. Wegner (1914-2007), che hanno contribuito a rendere il design danese famoso nel mondo. Formatosi come apprendista ebanista, Wegner è uno dei maggiori rappresentanti dell’organicismo, corrente del modernismo che unisce eleganza e funzionalità e che ha influenzato la produzione di tanti designer scandinavi. Nella sua vita, il designer ha creato circa cinquecento prototipi di sedie, che era solito assemblare manualmente utilizzando tecniche di falegnameria tradizionali come, per esempio, l’incastro maschio/femmina, cento delle quali entrate in produzione. Nel volume si trovano ovviamente i classici più famosi, come la China Chair (1943) o la Y Chair (1950), ma anche la Round Chair su cui era solito sedere John F. Kennedy, ora nota semplicemente come The Chair (1949), e le più ironiche Peacock Chair (1947) e Ox Chair (1960), durante la creazione della quale dichiarò: «Dobbiamo stare attenti a non prendere le cose troppo seriamente. Dobbiamo giocare, ma dobbiamo essere seri nel farlo!».

 

Titolo: Wegner: just one good chair

Autore: Christian Holmstedt Olesen

Casa editrice: Hatje Cantz Verlag Gmbh & Co Kg

Anno di pubblicazione: 2014

Pagine: 256

Lingua: inglese

 

Book_Club_SEDIE_4_riba_new-workspace

New York, New Workspace

Se ormai si può lavorare con un computer ovunque, qual è il senso attuale di uno spazio di lavoro dedicato? Il libro, attraverso l’analisi di uffici grandi e piccoli, spazi domestici attrezzati per il lavoro, atelier, atelier e studi di architettura internazionali (tra cui Casa Kostner, abitazione e studio progettati da MoDus Architects a Castelrotto, Bolzano) conclude che uno spazio definito per il lavoro è ancora necessario, anche se sta cambiando rapidamente, influenzato dal nuovo atteggiamento nei confronti del lavoro di millennial e Gen X, dallo sconvolgimento sociale e dall’innovazione tecnologica. Per questo si rende ancora più necessaria una riflessione progettuale che metta al centro il benessere dell’ambiente di cui la forza lavoro ha oggi più che mai bisogno. Il volume mette particolare enfasi al design dello spazio, in particolare degli interni, ponendo basi e quesiti indispensabili per i progettisti.

 

Titolo: New York, New Workspace: Innovative design in a connected world

Autore: Ruth Slavid

Casa editrice: Riba Publishing

Anno di pubblicazione: 2020

Pagine: 176

Lingua: inglese

 

Book_Club_SEDIE_5_tavoli-scarpa

I tavoli Scarpa per IUAV

Nati da artigianalità, design, architettura e “saper fare”, i tavoli progettati da Carlo Scarpa per l’Università Iuav di Venezia accolgono da oltre cinquant’anni generazioni di studenti e progettisti, sempre attuali nel rispondere alle loro esigenze funzionali. Questo volume ne traccia un po’ la storia e l’apparente magia, lasciando aperte le conclusioni sui motivi di tanto successo anche funzionale, ancora non ben e precisamente compresi. Tramite voci differenti, esperienze e ricerche, viene ricostruito il nucleo originario progettuale dei tavoli, ma anche gli aspetti materiali, fino alla lavorazione artigianale dei fabbri Paolo e Francesco Zanon. In pratica si tratta di oggetti apparentemente molto lontani dalla complessità delle forme e delle relazioni tra materiali che hanno sempre caratterizzato l’opera di Scarpa, ma in grado di rispondere ancora oggi alla perfezione alle varie e mutate richieste dei suoi tanti fruitori.

 

Titolo: I tavoli Scarpa per IUAV

Autore: a cura di Valeria Tatano

Casa editrice: Anteferma Edizioni

Anno di pubblicazione: 2021

Pagine: 116

Lingua: italiano

 

Book_Club_SEDIE_6_homework

Homework

Che sia frutto della pandemia, della galoppante rivoluzione tecnologica o di una (forse) inevitabile evoluzione del mondo del lavoro, la flessibilità è diventata un requisito fondamentale sia per i datori di lavoro sia per i lavoratori: il risultato è che un numero sempre più crescente di persone oggi riesce a lavorare da casa. Questo elemento di grande innovazione ha chiamato architetti e designer a misurarsi con i nuovi bisogni ad esso legati, primo tra tutti, la conciliazione di spazio abitativo e spazio-ufficio. Diviso in cinque sezioni, il volume esplora le mille soluzioni in cui il luogo di lavoro può essere integrato tra le pareti di casa, passando per soluzioni stabili o dinamiche che si chiudono e aprono su se stesse, rispondendo a esigenze sempre più specifiche.

 

Titolo: Homework – Soluzioni di design per lavorare da casa

Autore: Anna Yudina

Casa editrice: Ippocampo Edizioni

Anno di pubblicazione: 2018

Pagine: 272

Lingua: italiano

 

Book_Club_SEDIE_7_autoprogettazione

Autoprogettazione?

Per concludere, un testo provocatorio, imprescindibile, un vero e proprio classico del design thinking. Il volume contiene il progetto realizzato da Enzo Mari nel 1974 e rappresenta uno stimolo per legare creatività e capacità costruttive di ognuno di noi, seguendo e/o modificando la traccia data dai disegni progettuali di Enzo Mari per la realizzazione di una sedia, un tavolo, un armadio, un letto. Riprendendo la precedente pubblicazione Proposta per un’autoprogettazione, curata dal centro Duchamp e stampata in occasione della mostra omonima alla Galleria Milano nel 1974, il volume contiene i testi dello stesso Mari a commento dell’operazione, la documentazione di ciò che la prima uscita del progetto ha provocato nella platea di “addetti ai lavori”, immagini, disegni e una stimolante riflessione sull’attualità della riproposta.

 

Titolo: Autoprogettazione?

Autore: Enzo Mari

Casa editrice: Corraini Edizioni

Anno di pubblicazione: 2002

Pagine: 64

Lingua: italiano e inglese

9 aprile 2022