Salone del Mobile Milano

Il nuovo design del Centro Tecnico Federale di Coverciano

Settembre non è solo back to school, ma anche (per moltissimi) back to football. Così, mentre il Campionato di calcio italiano ha già archiviato la sua quarta giornata e la Uefa Champions League è alla seconda, la nuova Nations League ha riportato l’Italia su un palcoscenico internazionale pur lasciandoci l’amaro in bocca per effetto del gol di André Silva. Che gli Azzurri stiano ora tirando le somme e organizzando una nuova strategia al Centro Tecnico Federale di Coverciano? Tutti ce lo auguriamo. Anche perché miglior luogo del CTF per riflettere e ripartire, la Nazionale di Calcio Italiana proprio non ha.

Incastonato ai piedi delle colline fiorentine che portano a Fiesole, in un territorio ricco di fascino, il CTF, primo esempio di struttura sportiva propria di una Federazione calcistica, fu inaugurato il 6 novembre del 1958 e ospita al suo interno: il Museo del Calcio, gli uffici del Settore Tecnico, le sedi dell’Associazione Italiana Allenatori Calcio, del Comitato Regionale della Lega Nazionale Dilettanti, del Comitato Regionale Arbitri e della sezione dell’Associazione Italiana Arbitri di Firenze. Compiti, dunque, da poco 60 anni, il Centro si è voluto fare un grande regalo e ha deciso di entrare nel futuro con un ampio e profondo restyling frutto della collaborazione tra Federazione Italiana Giuoco Calcio e FederlegnoArredo. La casa delle Nazionali italiane, della Scuola Allenatori più famosa al mondo e del neonato centro di preparazione Var, rappresenta un punto di riferimento per il calcio internazionale: per questo la FIGC è intenzionata non solo a potenziarne la funzionalità ma anche l’immagine.

La partnership tra la FIGC e la Federazione delle industrie del legno e dell’arredo-design è stata siglata alla fine del 2016 e ha previsto il rifacimento della pavimentazione, delle luci e degli arredi di cinque aree del Centro, cui hanno partecipato 11 aziende leader del settore: ANM Parquet, Arper, Ditre Italia, Flos, Gruppo Saviola, Kartell, Natuzzi, New Design Porte, Poliform, Poltrona Frau e Way. Il progetto è stato affidato all’architetto Giancarlo Tintori, fondatore di Italian Design & Architecture Agency, e riposiziona Coverciano come benchmark internazionale di stile del Made in Italy, del comfort e della funzionalità.

L’intervento di restyling ha riguardato cinque aree, su cui si è uniformemente lavorato per una migliore valorizzazione degli spazi. Nella hall è stata realizzata artigianalmente e installata un’iconica parete bifacciale retroilluminata con disegno “a diamante” e intarsi in legno policromo; nel salotto dietro la zona bar sono state create aree relax e riunioni, con divani, poltrone, tavoli, tavolini, luci e libreria di design; la sala bar è stata completamente riarredata mentre nel ristorante sono state inserite nuove sedie e lampade, ed è stata affissa alla parete principale una stampa digitale che raffigura Firenze; nella Sala Righetti è stato realizzato un maxi-tavolo per riunioni, sempre su misura, che richiama la parete “a diamante” della hall, con poltrone da ufficio, e un nuovo pannello in velluto blu ospita le maglie-simbolo della Nazionale azzurra.

Le attività svolte con FederlegnoArredo hanno completato il generale rifacimento del Centro. Dei lavori di ristrutturazione sono state interessate in primis le infrastrutture sportive (campi e spogliatoi), ma anche l’innalzamento degli standard della ricettività alberghiera, l’ampliamento degli spazi dedicati all’area medica e la trasformazione dell’ex palestra in Auditorium per le conferenze.

 

NH_18_FIGC_G_001.jpg
NH_18_FIGC_G_002.jpg
NH_18_FIGC_G_003.jpg
NH_18_FIGC_G_004.jpg
NH_18_FIGC_G_005.jpg