Salone del Mobile Milano

PEOPLE

Su Huan, l’artista-poeta della carta

18_People_Huan-Su_Landing.jpg

Un’arte antica, quella scelta dalla giovane Su Huan – creatrice di mondi di carta – per affrontare le sue urgenze creative. Che si tratti di opere a due o a tre dimensioni, piccole come un francobollo o grandi quanto un arazzo rinascimentale, l’artista si concentra sul segno e sul movimento, fra fissità del nostro immaginario artistico e malleabilità del materiale. Tra le sue mani, la carta prende forma come ricamo prezioso, rinnovando una delle più antiche tradizioni artistiche cinesi e tagliando e lavorando il supporto cartaceo con eccezionale abilità. Un alone di poesia danza attorno alle sue creazioni che affascinano per l’aerea bellezza, la precisione e la quantità dei dettagli.

Raccontaci qualcosa di più sul tuo background – quale strada ti ha portato a fare quello che fai oggi?

Fin dalla mia infanzia ho la passione per l’arte popolare cinese, mi piace osservare qualsiasi genere di usi e costumi tradizionali, l’artigianalità e i materiali e mi sono anche esercitata manualmente. All’università, mi sono specializzata in Biotecnologie ma non ho mai abbandonato l’arte popolare cinese. In seguito, quasi per caso, ho trovato la specializzazione in Arte popolare cinese alla Central Academy of Fine Arts e ho deciso senza esitazioni di seguire il corso. Ora mi occupo di ricerca sull’Arte popolare cinese e le tradizioni culturali intangibili, e insegno a fare creazioni d’arte col taglio della carta. Durante il periodo di studio, il mio supervisore Qiao Xiaoguang mi ha trasmesso e spronato molto. Ho la possibilità di fare ciò che mi piace grazie all’amore incondizionato e alle buone occasioni. 

 

Hai un approccio e uno stile davvero unici rispetto all’arte della carta! Come ci sei arrivata? Quanto ci vuole per realizzare un pezzo?

Fare arte significa registrare ed esprimere, e l’arte del taglio della carta è il mio modo di trasmettere emozioni e registrare la vita. Tutti i momenti e i sentimenti nella vita quotidiana possono diventare materiale utile alla creazione. L’ispirazione viene dalla vita e dai sentimenti, che sono momentanei e spesso anche affrettati. Io sono impaziente, così quando ho un’idea, la implemento tutto d’un fiato per condensarvi tutta l’ispirazione finché è fresca.

 

Cosa vuoi trasmettere alle persone quando guardano le tue opere d’arte? 

I sentimenti dell’osservatore saranno sicuramente diversi dall’intenzione originaria dell’artista, così come un testo può avere mille interpretazioni. Non mi aspetto che gli osservatori abbiamo la stessa comprensione delle opere che ho io, sarebbe irrealistico, ma spero che le mie opere possano portare alla gente un tocco momentaneo – magari sentire la bellezza, magari ricevere un tipo di forma d’arte interessante e magari “leggere” le loro storie familiari nel paper cutting.

 

C’è qualcosa cui stai lavorando attualmente, o che sei entusiasta di iniziare e di cui ci vuoi parlare?

Il paper cutting è il mio linguaggio: voglio raccontare le storie intorno a me e registrare i miei sentimenti con l’arte del taglio della carta. Il paper cutting è insostituibile sia nell’espressione artistica sia nell’artigianalità e nelle tecniche. Voglio che l’arte di tagliare la carta diventi più “leggibile” e interessante, e sto cercando di capire come realizzare al meglio questo effetto.

 

Qual è una fonte d’ispirazione non legata all’arte o al design?

Le ispirazioni delle mie creazioni vengono dalla vita da un lato e dall’arte dall’altro lato. La vita non è solamente la mia vita nella città, ma include anche la vita degli abitanti dei villaggi. L’arte non è solo arte classica e mainstream, ma include anche l’arte popolare cinese. Ho una specializzazione sull’arte popolare cinese, e spesso ho bisogno di arrivare fin nel profondo dei villaggi e capire la vita e l’arte dell’artista popolare. Attente osservazioni sul campo hanno ampliato la mia comprensione della vita e delle faccende più comuni, storie e leggende e articoli d’uso quotidiano nella terra rurale mi hanno toccata e ispirata; specialmente lo scopo della creazione semplice e diretto e la tensione artistica semplice e irrefrenabile dell’arte popolare cinese hanno stimolato le mie considerazioni sull’arte, e queste conoscenze hanno influenzato il mio punto di vista artistico e le ispirazioni creative.

 

La qualità della carta è importante per la tua arte? Quali strumenti consigli?

Certamente. Lo strumento principale del paper cutting è un paio di forbici o un bulino, ma ci sono materiali diversi, come carta, panno, pelliccia, foglie e lastre di metallo. In linea generale, l’incavare qualsiasi materiale piatto può essere incluso nel campo del paper cutting, che è realisticamente esistito nell’arte tradizionale cinese del taglio della carta. A me piace affilare le forbici per renderle estremamente taglienti e uso carta sottile e morbida, non grossa; in questo modo riesco a gestirla meglio e osservarla, e posso esprimere più dettagli, in modo che l’osservatore possa sperimentare meglio l’effetto artistico completo e profondo del paper cutting.

 

Se potessi lavorare con un qualsiasi designer/artista, in vita o meno, chi sarebbe e perché? 

Non ci avevo mai pensato, è una domanda interessantissima, perché sono ancora nella fase di studio, e crescerò con qualsiasi eventuale collaborazione. Se potessi tornare indietro e fare una scelta, penso che sceglierei di collaborare con un musicista, come Vivaldi, John Strauss e George Bizet. Quando ascolto musica nella mia mente si formano delle forme grafiche interessanti. Potrebbe essere molto interessante esprimere la melodia con il paper cutting.

 

Ci puoi dire quali sono le tue opere migliori secondo te? 

L’arte è divertente ed emozionante, e le opere belle attirano le persone a fermarsi a guardarle. Secondo me, le belle opere possono o segnare dei passi in avanti nella creatività, perché l’arte è continuamente in cerca d’innovazione nelle tradizioni, o dare alla gente un momento di puro piacere e la sensazione di sentirsi a proprio agio, inebriata ed entusiasmata, oppure possono ispirare profondamente, riflettere l’opinione dell’artista su una questione o una causa che fa pensare l’osservatore. Apprezzando le opere, alcuni spettatori sono immersi nell’esperienza, e alcuni dopo averle viste possono avere un’illuminazione, entrambi sono processi di apprezzamento dell’arte. Le opere saranno tanto più profonde quanto più riescono a dare all’osservatore.

 

Quale consiglio daresti a chi cerca di farsi strada nel paper design?
L’arte, specialmente quella del taglio della carta, è gratuita e senza frontiere, e tutti vi si possono cimentare. Durante la mia ricerca, ho chiesto alle donne esperte di arte popolare del taglio della carta (donne rurali esperte di paper cutting) “come riuscite a tagliare la carta in modo così bello”, e mi hanno risposto: “La taglio a caso”, “La riesco a tagliare dando una semplice occhiata” e “Non può uscire male indipendentemente da come la tagli”. Gli strumenti e i materiali del paper cutting sono comuni, le operazioni sono semplici, ed è molto facile ottenere l’effetto, quindi che si abbia una formazione artistica o meno, si possono prendere in mano le forbici e provarci senza timore. Nel processo di controllo delle forbici, un “errore” involontario potrebbe generare una sorpresa inaspettata, da cui derivano la gioia e la ricompensa che troviamo nella pratica. 

 

18_People_Huan-Su_G_001.jpg
18_People_Huan-Su_G_002.jpg
18_People_Huan-Su_G_003.jpg
18_People_Huan-Su_G_004.jpg
18_People_Huan-Su_G_005.jpg
18_People_Huan-Su_G_006.jpg
18_People_Huan-Su_G_007.jpg
18_People_Huan-Su_G_008.jpg
18_People_Huan-Su_G_009.jpg
18_People_Huan-Su_G_010.jpg

01. - 10. Su Huan works