Objekto PRESENTA

CV Sofa

Contattaci
Cristian Valdés Sofa CV

Unico e senza tempo, il divano CV in pelle nera è un pezzo eccezionale progettato dal designer Cristian Valdés.

Unico e senza tempo, il divano in pelle nera CV è un pezzo eccezionale disegnato da Cristian Valdés. Il design iconico della racchetta dunlop Maxply, con i suoi pezzi di legno a contrasto, è impreziosito da un bellissimo rivestimento in pelle nera pieno fiore.

La struttura è completata e rinforzata da sottili parti in acciaio nero che definiscono questo divano, curvando la pelle in eleganti forme ergonomiche.

Cult e ricercato dagli amanti del design, il divano CV troverà posto in qualsiasi interno.

Una creazione originale con una forte identità.

Parallelamente alla sua attività principale, l'architetto cileno Cristian Valdés si è cimentato nel design di mobili. Per lui l'unica differenza fondamentale tra design e architettura è una questione di scala. La collezione di mobili che crea è il risultato concreto dell'intersezione di questi due mondi.

L'idea gli è venuta dopo aver analizzato la struttura e la costruzione di una racchetta da tennis Dunlop simile a quella con cui giocava John McEnroe all'epoca. Sviluppò un sistema costruttivo che ne era la traduzione funzionale e strutturale. Questo sistema sarà utilizzato per tutti i mobili della collezione.

La poltrona C e il divano CV completano il trio di sedute in pelle naturale offrendo una seduta e uno schienale imbottiti e rivestiti in splendida pelle. L'imbottitura in schiuma densa aumenta la sensazione di comfort.

Realizzati a mano in piccole serie, i mobili di Cristian Valdés sono oggi un oggetto unico, raro e ricercato.

 

Designed by
Cristian Valdes
Cristian Valdes

Architetto, Designer - Cile
-
L'architetto cileno Cristian Valdes è oggi conosciuto sia come designer che come architetto.

Parallelamente alla sua attività principale di architetto, alla fine degli anni Settanta si è cimentato nel design di mobili. Per lui l'unica differenza fondamentale tra design e architettura è una questione di scala. Progettare una sedia può essere un esercizio di architettura, e l'architettura può essere affrontata anche dal punto di vista della sperimentazione di materiali in uno studio e non solo da un tavolo da disegno.

L'architettura e il design di mobili nascono dall'intenzione di creare qualcosa di nuovo; ciò che conta è l'origine di questa intenzione, non le sue dimensioni. Il processo che lo interessa è la definizione di questa intenzione e sapere da dove viene, con cosa e perché.

Sia nella vita quotidiana che in ciascuna delle sue opere, la sua semplicità è notevole. La sua capacità di cogliere l'origine delle cose e di esprimerla direttamente nel suo lavoro è una delle caratteristiche che contraddistinguono il suo approccio all'architettura e al design. Non perde di vista l'essenziale e proibisce tutte le forme inutili o futili. È consapevole del significato delle cose e non fa nulla che non abbia uno scopo preciso e utile.

Nel 1977 ha creato la sedia Valdés, che è certamente la più bella icona del design cileno e un riferimento a livello internazionale.  Nel corso degli anni, la collezione è cresciuta fino a comprendere diverse poltrone e un divano ed è stata esportata in tutto il mondo. Il Museo di Storia Naturale di Parigi e il Museo d'Arte Moderna di New York hanno acquisito molti pezzi.