Flou spa PRESENTA

Guardaroba 16.32 - Saffiano

Contattaci
Flou - Guardaroba 16.32 Saffiano

Guardaroba 16.32 con ante Saffiano, design Emanuela Garbin - Mario Dell'Orto

Guardaroba 16.32 con ante modello "Saffiano"

Flou - Guardaroba 16.32 Saffiano
Flou - Guardaroba 16.32 Saffiano
Descrizione prodotto
Nati dalla creatività e dall’esperienza Flou, i “Guardaroba 16.32” si distinguono per l’accuratezza delle lavorazioni e l’attenzione al singolo dettaglio.
La modularità multipla di 16 cm semplifica le fasi di progettazione e montaggio; le ante - a battente, scorrevoli o combinabili tra loro - impiegano materiali che raccontano e testimoniano l’importante eredità della tradizione tessile Flou, con impronte incise, trame e disegnature che rendono tattili le superfici in modo del tutto originale.

Naturale evoluzione dei Guardaroba 16.32, gli armadi “Guardaroba 16.32 Private” spiccano per una progettualità avanzata e innovativa, un’attenzione sempre più marcata all’estetica e un’incredibile possibilità di personalizzazione e razionalizzazione degli interni.
Una proposta esclusiva in grado di rispondere a ogni personale esigenza di ordine e catalogazione: dai vassoi con divisori interni amovibili e accuratamente rivestiti in tessuto fino alle grucce con profili in pelle, ogni elemento è curato nei minimi dettagli, realizzato con materiali di prima qualità e studiato per valorizzare al meglio l’esposizione di abiti e accessori.

L’anta termostrutturata SAFFIANO riproduce e prende il nome dalla texture della particolare pelle “simil-graffiata” utilizzata per le borse di pregio.
Una proposta elegante e ricercata, offerta nella versione battente e scorrevole e nelle due tonalità grafite e bronzo.
Flou - Guardaroba 16.32 Saffiano
Nome prodotto

Guardaroba 16.32 - Saffiano

Designer

Emanuela Garbin - Mario Dell'Orto

Caratteristiche

ad angolo, attrezzato, modulare, scorrevole

Anno

2009

Scheda prodotto

scheda tecnicaSalone del mobile

Sito web ufficiale

FlouSalone del mobile

Designed by
Emanuela Garbin - Mario Dell'Orto
Emanuela Garbin - Mario Dell'Orto