Il Manifesto

Il Manifesto
Il Salone del Mobile analizza i suoi valori, il suo profondo legame con Milano e con le aziende, i brand e i designer che lo hanno reso grande nel mondo. Per progettare un futuro di qualità, innovazione, creatività.

Il Salone del Mobile, che a Milano affonda le proprie radici, vuole riassumere e sottolineare i punti di forza e gli elementi di interconnessione dell’evento con la città, con l’obiettivo di dare seguito al processo di internazionalizzazione che entrambi hanno intrapreso, e consegnare alla comunità del design alcuni punti progettuali per il prossimo futuro. Nato nel 2018, il Manifesto del Salone del Mobile.Milano è un atto di affetto nei confronti della città, un patto di intenti finalizzato a canalizzare le forze che a Milano possono lavorare insieme per mantenere il ruolo di leadership della manifestazione e della città, oltre che attrarre pensieri, progetti, risorse nuove. Nel 2019, si arricchisce di un nuovo vocabolo, "Ingegno".

Perché il Salone del Mobile non è solo una fiera.

Il Manifesto è arrivato Cina dove ha incontrato l’interesse della stampa locale.
Da sinistra, in senso orario: Tang Juan, Editor di Netease; Li Sha, Supervisore Design Channel di Netease; Hu Tingting, Direttore Generale di DesiDaily; Li Wenqian, Editor di Netease

Il Manifesto ha raccontato i propri valori, i suoi punti e il suo legame con Milano incontrando un marcato interesse in vari Paesi tra cui la Germania.
Da sinistra, in senso orario: Jan van Rossem, Direttore del Dipartimento di architettura, design, auto di AW Architektur&Wohnen; il Manifesto ha attirato l’attenzione della stampa tedesca; Heike Edelmann, critico di design e giornalista freelance, e Thomas Edelmann, giornalista, critico di design e curatore, ad Hannover; Robert Volhard, Fondatore e membro del comitato di redazione di Stylepak a Francoforte.

Il Manifesto del Salone del Mobile - che ne narra i valori, i punti di forza e gli elementi di interconnessione con Milano - è passato di mano in mano e ha viaggiato fino ad approdare oltreoceano a New York.
Da sinistra in senso orario: Cindy Allen, Editor in Chief, Interior Design; Ken Carbone, Founding Partner, Carbone Smolan Agency; James Wagman Architects + Hudson Studio Architects; Wendy Parsons, Direttore Comunicazione, Cooper Hewitt Museum; Delegazione di designer cinesi sponsorizzati da NYSchool of Interior Design con Pam Durante/Pam Durante Interior Design; Joseph Cephas, Vice Presidente Comunicazione, ASID National

partner istituzionale

Intesa Sanpaolo

partner ufficiali

Cà del Bosco
Illy
San Pellegrino
Audemars Piguet
Fondazione Fiera Milano