LIVINGSCAPES

Trend research: SuperNormal – Extra-Ordinary Design

TL_supernormal_ExtraOrdinary_00_nuvola.jpg

È il design che parla sottovoce e infonde in modo discreto un tocco di “straordinarietà” agli oggetti più ordinari. Fedele al suo fine ultimo, l’intuizione progettuale si concentra sulla funzionalità e la facilità d’uso di mobili e arredi, connotandoli di una pulizia estetica e di una sorta di minimalismo “ponderato”.

L’intento è quello di punteggiare gli ambienti domestici di oggetti che raccontino piccole storie ma che allo stesso tempo abbiano risvolti importanti sulla qualità dell’abitare e le ritualità quotidiane, svolgendo al meglio il compito a cui sono deputati e/o gettando una nuova luce su forme, usi e gestualità che diamo per assodate, migliorandole.

Il trend intercetta l’esigenza di un sempre più nutrito segmento di consumatori evoluti e consapevoli che sanno andare al di là della patina effetto “bling-bling”, considerata un di più non necessario, e sono alla ricerca di prodotti buoni quanto basta, essenziali, durevoli, pratici e innovativi pur nella loro semplicità formale.

TL_supernormal_ExtraOrdinary_01b.jpg

Discover the hidden beauty of ordinary life è il principio che ispira tutto il lavoro dello studio di Hong Kong Ziinlife! Dalla mission di rendere il design di qualità accessibile e un valido alleato nel perseguimento della felicità nascono arredi come Green Tea Table, un mobile-credenza che dà una forma al bisogno delle nuove generazioni di rendere tributo in modi nuovi alle antiche tradizioni e abitudini, come quella di bere il tè.

TL_supernormal_ExtraOrdinary_02b.jpg

La soluzione di arredo contiene, quindi, lo spazio e gli elementi necessari per preparare il tè a regola d’arte, dalla riserva di acqua purificata ai ripiani per riporre tazze e teiera, rendendo omaggio in modo contemporaneo alle consuetudini di una volta.

TL_supernormal_ExtraOrdinary_03b.jpg

Oppure, come la libreria Reaching Bookshelf. Un mobile chiuso da ante da cui fuoriesce uno scaffale libreria a forma di arco. Quello che è a un primo sguardo solo un elemento decorativo, in realtà permette di avere in evidenza e a portata di mano i libri in lettura, mentre la parte chiusa protegge gli altri testi dalla polvere e dà all’ambiente un aspetto ordinato.

Due esempi di come questo approccio al design riesca a coniugare efficacemente estetica e funzionalità all’insegna di prodotti pensati col cuore e sentiti con la mente.

TL_supernormal_ExtraOrdinary_04.jpg

Pensato dalla designer Meike Langer, Beaugars è un pezzo di arredamento per appendere, appoggiare e riporre gli oggetti di uso quotidiano. Gli elementi strutturali sono ridotti a quelli indispensabili, una panca in legno come ripiano orizzontale e montanti in metallo che fungono da sostegno e che sono aperti agli usi più disparati: appendiabiti, portaombrelli o semplice supporto.

Un’altra caratteristica distintiva è la possibilità di modulare l’ingombro nello spazio a seconda della superficie libera a disposizione, cosicché Beaugars può diventare più o meno compatto adattandosi alle specifiche necessità. La sua struttura lascia a chi lo usa la possibilità di comporre il proprio personale panorama di oggetti che prende forma spontaneamente a partire dalle abitudini e dall’identità del singolo. Quasi fosse un oggetto non finito a priori, un canvas che si modella e ricrea costantemente la sua estetica con l’utilizzo che ogni persona ne fa.

Ogni giorno, quindi, gli oggetti più comuni, spesso lasciati in giro per la casa o riposti per non creare disordine, trovano una collocazione temporanea diventando essi stessi protagonisti dell’arredo.