LIVINGSCAPES

Trend research: Nomadic House.
Moving Interiors

TL_NomadicHouse_MovingInteriors_00.jpg

Anche all’interno degli ambienti domestici è in atto un fenomeno di nomadismo. I locali sfumano uno nell’altro, le destinazioni e le occasioni d’uso si ibridano e, di conseguenza, arredi e complementi migrano da una stanza all’altra assecondando istantaneamente l’occorrenza del momento, la voglia di cambiamento o l’alternarsi delle fasi della vita.

Questo significa che mobili e oggetti non sono più necessariamente legati a uno specifico spazio fisico o una camera in particolare ma si adattano, muovendosi, alla configurazione sempre più instabile degli ambienti che non viene più definita a priori e una volta per tutte. Il living si può temporaneamente trasformare in ufficio o camera da letto, la cucina viene vissuta a tutte le ore del giorno e anche i confini del bagno, la stanza considerata più intima, un po’ alla volta si aprono al resto della casa.

Di qui nasce l’esigenza di elementi di arredo leggeri, portatili e facilmente spostabili che assicurino flessibilità e libertà di movimento in spazi vitali le cui dimensioni, oltretutto, si vanno progressivamente riducendo.

Progettata dalla designer francese Ionna Vautrin per il marchio Lexon Design, Clover è la versione contemporanea di una lanterna. In pratica, si tratta di una lampadina portatile ricaricabile via USB che può essere appesa in qualsiasi angolo della casa.

TL_NomadicHouse_MovingInteriors_01.jpg

La lampada ha un’autonomia di quattro ore e due differenti intensità luminose, è resistente all’acqua e può essere utilizzata da sola o a grappolo a formare un vero e proprio lampadario.

Clover è una soluzione ideale anche al di fuori delle mura domestiche, appesa ai rami in giardino, ad esempio, o legata allo sterzo della bici come un fanale oppure alla propria borsa per illuminare il cammino. Grazie a un design semplice e giocoso Clover asseconda l’immaginazione e le necessità di ognuno e diventa un “pezzo” di casa da portare con sé.

Tra tutti gli arredi presenti in casa la vasca da bagno sembrerebbe quello meno portato alla mobilità, eppure la designer tedesca Carina Deuschl ne ha scardinato inaspettatamente la staticità.

Xtend è un prototipo di una vasca da bagno ripiegabile e trasportabile che permetterebbe ai bath-enthusiast di fare il bagno letteralmente dove vogliono, in casa e fuori. La struttura di colore nero è realizzata in fibra di carbonio e combina design, funzionalità e comfort. L’interno della vasca è in tessuto bianco a contrasto, soffice ma altamente resistente oltre che completamente waterproof

TL_NomadicHouse_MovingInteriors_02.jpg

Xtend si apre e chiude in modo intuitivo e può essere usata e collegata ovunque ci sia l’acqua corrente, in qualunque ambiente domestico, quindi, o in qualsiasi luogo esterno – dal giardino all’albergo – e, una volta usata, si svuota con un sistema a pompa. 

TL_NomadicHouse_MovingInteriors_03.jpg

Una soluzione per improvvisare un bagno pop-up, magari quando la stanza da bagno è occupata, o da affiancare alla doccia per chi una vasca non ce l’ha o ancora per non rinunciare a un bagno rilassante anche in campeggio, ad esempio.

Il designer cinese Mario Tsai –  fondatore dello ZZ Design Studio – ha ideato un set di tavolini da caffè “predisposti” per essere facilmente spostati in tutta sicurezza, ossia un sottile frame rettangolare che funge da manico e rende il tavolino portatile come un cestino, utilizzando una sola mano. 

TL_NomadicHouse_MovingInteriors_04.jpg

A questo scopo i tavolini sono realizzati con una struttura leggera e minimalista di metallo e legno che risulta, però, perfettamente stabile quando sono “a riposo”.

Il set è composto da tavolini di diverse forme (tondi e ovali) e dimensioni che, grazie alle differenti altezze, possono anche essere sovrapposti l’uno all’altro per guadagnare spazio.

diPende è un originale oggetto di design piccolo, leggero e molto funzionale. Si compone di elementi estremamente semplici: una ciotola-contenitore in bamboo,  un cavo in poliestere e un sistema di carrucole che permette di appenderlo in qualunque punto della casa e a diverse altezze.

TL_NomadicHouse_MovingInteriors_05.jpg

diPende può fungere da comodino, da svuota-tasche, da contenitore di giochi o per raccogliere acrobaticamente tutti i piccoli oggetti di uso quotidiano che possono essere d’intralcio, soprattutto in spazi ridotti, o che non hanno una propria collocazione. 

TL_NomadicHouse_MovingInteriors_06.jpg

I progettisti, i designer italiani Lorenzo Dalla Benetta, Luca e Simone Giordani, lo definiscono un salvaspazio pensile, un ascensore per spiriti liberi ed è proprio all’estetica dell’”accampamento” che quest’oggetto rimanda.