Salone del Mobile Milano

Mosca tra food e design

A Mosca per il Salone del Mobile.Milano Moscow e non sapete come orientarvi tra le varie proposte culinarie che la città offre? Probabilmente la scelta che farete andrà bene in ogni caso perché, da qualche anno, la città brulica di nuove aperture che hanno rivitalizzato il panorama gastronomico; tuttavia, ci sono alcuni fiori all’occhiello dove trascorrere la serata degustando prelibatezze avvolti da atmosfere uniche, in equilibrio tra design, lusso o classicità.

Ecco cinque indirizzi gourmet dove la buona cucina va a braccetto con la bellezza e la cura del dettaglio degli spazi. Da segnare in agenda.

NH_18_Mosca-tra-food-e-design_L_Dr-Zivago.jpg

DR. ZHIVAGO
Situato nel cuore della città, tra la Piazza Rossa, il Cremlino e i giardini di Alessandro, il National Hotel è uno dei più antichi alberghi di Mosca e il suo unico cinque stelle. Inaugurato nel 1903 e ristrutturato nel 2009, questa struttura non ha mai smesso di raccontare i fasti e l’opulenza barocca della Russia degli zar. In questo contesto, trovare un ristorante moderno, luminoso e quasi total white come Dr. Zhivago è quasi bizzarro. Ma tant’è. Lo spazio coniuga citazioni di stile classico e contemporaneità in modo armonico e consapevole, l’ambiente è elegante e il bianco dell’arredo viene sapientemente interrotto e vivacizzato dal rosso delle sedute, dei bicchieri, delle rose. La luce gioca un ruolo chiave, sottolineando le caratteristiche architettoniche del locale e creando un'atmosfera rilassante. Decòr e oggetti d’arte (tra cui dipinti di Malevich e Petrov-Vodkin) vi ricordano che siete in uno spazio esclusivo. E la cucina? Gourmet, con un twist moderno seppur legata alla tradizione, con un forte legame al territorio e una costante ricerca sulla materia prima.

www.drzhivago.ru/en/

NH_18_Mosca-tra-food-e-design_L_White-Rabbit.jpg

WHITE RABBIT
Al 15esimo posto della World’s 50 Best 2018, il White Rabbit è sicuramente il ristorante più cool (e conosciuto) dell’intera Russia. Appollaiato in cima a uno dei tanti shopping mall di lusso della città, lo spazio si articola su due piani con una sala superiore incapsulata in una cupola di vetro che offre una vista mozzafiato sulla città e sulle “sette sorelle”, i grattacieli di Stalin. La sala principale è ampia, accogliente, luminosa ed eclettica. Certo, anche fastosa. L’arredamento è un concentrato di spirito russo: comodo, lussuoso e colorato con una sovrabbondanza di divani, poltrone e cuscini. Non mancano pezzi d’arte unici che ritmano e rendono davvero interessante lo spazio. L’approccio alla cucina dello chef Vladimir Mukhin è forte e deciso: un mix di acidità, dolcezze e spezie amare per sovvertire gli stereotipi del panorama gastronomico russo fatto di cibi semplici ma “pesanti” come il borsch e i blinis od opulenti come l’insalata russa. Vladimir prende per mano l’ospite e lo conduce nella sua personalissima tana del bianconiglio, dove la cucina russa viene reinventata. I suoi sapori trasudano storia sovietica nonostante gli ingredienti, attinti da tutti gli angoli del vasto territorio russo, siano del tutto nuovi alla tradizione. Il suo obiettivo? Far riscoprire ingredienti autentici a una generazione che è stata travolta dall’improvvisa onda della globalizzazione.

www.whiterabbitmoscow.ru/en

 

NH_18_Mosca-tra-food-e-design_L_Crab-amp-Wine.jpg

CRAB AND WINE
Se non potete stare nemmeno una settimana senza frutti di mare e pesce, ecco il locale che fa per voi. Crab and Wine è gusto, ricercatezza e ritmo. Un’idea di ristorazione con un’indispensabile tocco d’internazionalità. L’atmosfera ideale per un’esperienza unica, all’insegna dell’eccellenza. Il menù offre ben 9 varietà di crab, alcune mai viste in città. Oltre al Kamchatka king crab e all’opilio (snow crab) tanto amati dai russi, qui si può gustare il blue king crab, lo spiny crab e perfino una particolarissima varietà chiamata hairy crab. A rendere unico il granchio (e tutto il pescato) c’è poi il vino. Una vastissima carta che include più di 900 etichette, ossia infinite storie. Ma il design di questo tempio gourmet? Contemporaneo, cosmopolita, essenziale, ricercato e suggestivo, ritmato da volte e colonne, con mattoni a vista che si abbinano al legno dell’arredo, e, su tutto, sfumature molto glamour di turchese e blu.

www.en.winecrab.ru

NH_18_Mosca-tra-food-e-design_L_Semifreddo.jpg

SEMIFREDDO
Uno tra i più autentici avamposti gastronomici di sicilianità nel mondo, Semifreddo è il regno di Nino Graziano che si trasferì qui da Villafrati ben 13 anni fa. Il locale è accogliente, elegante, contemporaneo, sicuramente essenziale rispetto agli interni russi. Il contesto moderno e lineare, l’attenzione e la cura per il dettaglio, emanazione dell’ospitalità siciliana, riflettono una cucina raffinata, delicata, che ha fatto della qualità e della freschezza il suo mantra. Nessuna rivisitazione di ricette secondo il gusto locale, nessun abbinamento azzardato, ma piatti semplici, con pescato del giorno o materia prima volata direttamente dalla Sicilia. Nessun compromesso, insomma. Solo la cucina siciliana di uno dei pionieri della rivisitazione della tradizione gastronomica, autentica e materica.

www.semifreddo-restaurant.com/en/

NH_18_Mosca-tra-food-e-design_L_Caf-egrave--Puskin.jpg

CAFÉ PUSHKIN
Se invece volete prendervi una pausa dal design e immergervi in un’atmosfera romantica che sa di storia e poesia, il Café Pushkin fa al caso vostro. Sebbene sia stato aperto solo nel 1999, è uno dei luoghi più visitati e belli di Mosca proprio per la sua atmosfera ottocentesca e per i tremila libri che vi abitano (dalle opere di Pushkin, Tolstoy, Gogol, Chechov, Dostoevskij a quelle dei grandi autori europei come Shakespeare, Dickens, Dante, Petrarca, Rousseau, Maupassant, Goethe, Hegel). Realizzato all’interno di un palazzo barocco, il locale è caratterizzato da grandi librerie in legno, banconi farmaceutici d’epoca, mappamondi artigianali, dipinti e affreschi della mitologia classica, copie in bronzo di statue egizie, oggetti d’arte originali del XIX secolo, luci soffuse. Nessun dubbio quindi su che tipo di cucina potrete gustare: tradizionale russa ma con un tocco moderno. Insomma, un’esperienza da non perdere a Mosca anche se non è il vostro genere.

www.cafe-pushkin.ru/en/

NH_18_Mosca-tra-food-e-design_G_004_Dr-Zivago.jpg
NH_18_Mosca-tra-food-e-design_G_005_Dr-Zivago.jpg
NH_18_Mosca-tra-food-e-design_G_007_White-Rabbit.jpg
NH_18_Mosca-tra-food-e-design_G_008_White-Rabbit.jpg
NH_18_Mosca-tra-food-e-design_G_002_Crab-amp-Wine.jpg
NH_18_Mosca-tra-food-e-design_G_003_Crab-amp-Wine.jpg
NH_18_Mosca-tra-food-e-design_G_006_Semifreddo.jpg
NH_18_Mosca-tra-food-e-design_G_001_Caf-egrave--Puskin.jpg

01. - 02. Dr. Zhivago
03. - 04. White Rabbit
05. - 06. Crab and Wine
07. Semifreddo
08. Café Pushkin