Salone del Mobile Milano

Il China Design Museum di Álvaro Siza

Anche la Cina ha il suo Design Museum. Sorto nel campus Xiangshan della China Academy of Art di Hangzhou, una delle scuole d’arte più prestigiose del Paese, il museo è un dono che la stessa Accademia si è fatta in occasione del 90esimo anniversario dalla sua fondazione. E se l’obiettivo era, e rimane, quello di investire e valorizzare il patrimonio artistico cinese, sicuramente gli stimoli e i contatti con l’Occidente hanno giocato un ruolo chiave nello scegliere a chi affidare la progettazione di uno spazio tanto importante. A sorpresa (ma non troppo) la scelta è caduta sull’architetto portoghese Álvaro Siza, premio Pritzker nel 1992, che, con la collaborazione di Carlos Castanheira, ha trasformato una superficie di 16.800 metri quadrati in una moderna area espositiva affiancata da un laboratorio, un archivio, un auditorium, una sala multifunzionale, un museum shop, una caffetteria e una libreria di prossima apertura.

Di Álvaro Siza il China Design Museum riflette senza dubbio la poetica progettuale: l’edificio sembra aspirare a una bellezza e a una dimensione a-temporale pur confrontandosi con l’ambiente fisico in cui è calato e con la funzione che deve svolgere. E la soluzione è decisamente bella e positiva. Come spesso accade nell’opera di Siza, la monocromaticità e la monomatericità prevalgono e l’architettura sottolinea alcuni aspetti dell’ambiente naturale e urbano in cui è calata. Il museo, infatti, si trova all'incrocio di due strade principali su una pianta urbana triangolare che ne ha definito profilo, forma e volume. All’interno, un cortile triangolare ad angolo retto e ingressi incassati creati da sezioni angolari tagliate moltiplicano la nota geometrica che connota il museo.

L’intera struttura è rivestita in arenaria rossa Agra, importata dall'India, che ne definisce in modo spettacolare l'aspetto esteriore. Marmo bianco è, invece, utilizzato sulle pareti interne, mentre l’ingresso è un volume di cemento bianco autoportante.

La disposizione degli spazi interni è stata concepita per garantire flessibilità e facilitare il flusso dei visitatori. Il seminterrato contiene aree tecniche e di servizio, gli archivi e un caffè collegato al cortile. Al piano terra sono disposte le aree di ingresso e relax, le sale espositive temporanee e gli auditorium. Il piano rialzato consente di ottimizzare gli spostamenti, mentre una rampa di scale conduce a un giardino pensile esterno. Infine, il piano più alto ospita la collezione permanente dedicata alla Bauhaus.

Cinque le mostre in corso: Life World: The Collection of Western Modern Design (permanente); Subversion & Reshaping: The Collection of Massimo Osti Menswear (permanente); Bauhaus Imaginista: Moving Away; Álvaro Siza – Beyond Architecture; Xiang Peng - Figural Space Cabinet of Bauhaus; The Document Exhibition of architecture design of China Design Museum.

www.en.caa.edu.cn

NH_18_China-Design-Museum_G_001.jpg
NH_18_China-Design-Museum_G_002.jpg
NH_18_China-Design-Museum_G_003.jpg
NH_18_China-Design-Museum_G_004.jpg
NH_18_China-Design-Museum_G_005.jpg