Salone del Mobile Milano

50 anni di Driade. Tra passato e futuro

In occasione del Salone del Mobile 2018, Driade ha festeggiato i suoi 50 anni con un progetto visionario a cura di Gianluigi Ricuperati, ispirato allo sbarco sulla luna. E ha reso omaggio alla capacità di anticipare le tendenze che ha sempre contraddistinto il lavoro dei soci fondatori (Enrico Astori, Antonia Astori, Adelaide Acerbi Astori) con il recupero del logo originale e la riedizione di alcuni tra i pezzi più iconici della storia dell’azienda. 

Di grande impatto scenografico, il progetto Driade Moon Mission, messo in scena durante i giorni della fiera presso il Cinema Arti di Milano. Immaginifico set lunare allestito con alcuni masterpiece, reinterpretati per l’occasione dallo studio Nucleo, che ha evocato gli anni delle grandi performance con cui il brand, nato nel 1968, ha scritto alcune delle pagine più importanti della storia del design, contribuendo a delineare una cultura del progetto che va ben oltre la produzione. Mettendo l’accento sulla forte tensione a esplorare nuovi mondi che ha portato Driade a muoversi come pioniere nel mondo dei sistemi componibili negli anni ’70, e, quindi, a sperimentare alcuni tra i più interessanti linguaggi espressivi della contemporaneità (da quello di Philippe Starck a quello di Kazuyo Sejima) nei decenni successivi, qualificandosi come laboratorio estetico costantemente in progress.

NH_18_50-anni-di-Driade_G_001.jpg
NH_18_50-anni-di-Driade_G_002.jpg
NH_18_50-anni-di-Driade_G_003.jpg
NH_18_50-anni-di-Driade_G_004.jpg
NH_18_50-anni-di-Driade_G_005.jpg
NH_18_50-anni-di-Driade_G_006.jpg
NH_18_50-anni-di-Driade_G_007.jpg