Salone del Mobile Milano

100 anni di Bauhaus!

Il Centenario del Bauhaus - la scuola di design più importante della Germania del XX secolo, che ha lasciato il segno in tutto il mondo e ha avuto un'influenza decisiva sulla formazione di artisti, architetti e designer - sarà uno dei grandi eventi culturali del 2019. Dopo aver completato la loro istruzione, molti Bauhausler stranieri tornarono nei loro paesi d'origine dove diedero vita a manifestazioni locali del Bauhaus e del modernismo. Che significato ebbero queste nuove espressioni in luoghi come Mosca, Hangzhou, Kyoto, San Paolo o New York?

A questa e altre domande prova a dare risposta l'esposizione itinerante Bauhaus Imaginista che fa tappa nei cinque continenti in diverse località che hanno una connessione speciale con il Bauhaus. A partire da marzo 2018, quattro mostre, sviluppate separatamente, avranno luogo nei più importanti musei di arte e design di Giappone, Cina, Russia e Brasile. I quattro capitoli di questo progetto, ciascuno composto da mostre, workshop, conferenze e discussioni, si basano su uno specifico oggetto Bauhaus: il Manifesto Bauhaus del 1919, un collage di Marcel Breuer, un disegno di un tappeto orientale di Paul Klee e un gioco di luce di Kurt Schwerdtfeger.

Corresponding With (Kyoto, Tokyo e Nuova Delhi) è la mostra organizzata al Museo Nazionale di Arte Moderna di Kyoto (4 agosto - 8 ottobre 2018) che esamina gli approcci educativi del Bauhaus e li confronta con due scuole d'arte d'avanguardia che operavano simultaneamente in Giappone e in India.

Moving Away (Hangzhou, Mosca e Lagos) si concentra sui dibattiti intorno alla teoria del design del Bauhaus e sulla loro traduzione in contesti culturali e politici quali ex Unione Sovietica, India e Cina. La mostra ha luogo al Garage Museum of Contemporary Art di Mosca (11 settembre - 30 novembre 2018).

La mostra alla SESC Pompéia in Brasile (10 ottobre 2018 - 10 gennaio 2019), Learning From (San Paolo, New York e Rabat), rivela l'interesse che il Bauhaus e i progettisti in genere nutrivano verso culture materiali indigene e pre-moderne, e in che modo i professionisti influenzati dal Bauhaus in Nord Africa, negli Stati Uniti e in Brasile hanno poi ulteriormente sviluppato questo aspetto per forgiare un nuovo idioma moderno.

Nel 2019, le mostre organizzate localmente saranno riunite in un’unica esposizione generale insieme al quarto capitolo di questo programma, Still Undead, presso la Haus der Kulturen der Welt a Berlino. Still Undead esplorerà il lavoro sperimentale del Bauhaus con luce, suono, film e fotografia e le relative ripercussioni nel cinema, nella cultura visiva e popolare e nella musica elettronica.

MOVING AWAY: THE INTERNATIONALIST ARCHITECT

Incentrata sulla divulgazione e ricezione a livello internazionale del Bauhaus, la mostra di Mosca Moving Away: The Internationalist Architect traccia le complesse relazioni tra il Bauhaus e l'Unione Sovietica nel contesto dei movimenti architettonici internazionali contemporanei. Si concentra sull’operato di diversi laureati e studenti collegati al secondo direttore del Bauhaus, l'architetto Hannes Meyer, in Unione Sovietica negli anni '30: l'architetto Philipp Tolziner, che trascorse il resto della sua vita a Mosca; l'architetto e urbanista Konrad Püschel; e l'architetto Lotte Stam-Beese, che fu la prima donna a studiare nel dipartimento edile del Bauhaus Dessau.

Attraverso fotografie, lettere, collage, pagine di album di ritagli, note personali, manifesti, disegni architettonici e progetti di città, il materiale descrive la relazione degli architetti con il Bauhaus Dessau, l'Unione Sovietica, e gli ideali socialisti e comunisti. La mostra riflette vari tentativi di scrivere la storia personale e collettiva, di commemorare, di immaginare idee sulla pratica collaborativa di allora, rivelando aspetti personali nelle storie di design utopico modernista.

Moving Away: The internationalist architect

Garage Museum of Contemporary Art
9/32Krymsky Val st., 11904 9
Mosca, Russia

12 settembre - 30 novembre 2018
Orari: aperto ogni giorno dalle 11.00 alle 22.00


www.garagemca.org/en

NH_18_100-years-of-Bauhaus_G_001.jpg
NH_18_100-years-of-Bauhaus_G_002.jpg
NH_18_100-years-of-Bauhaus_G_003.jpg
NH_18_100-years-of-Bauhaus_G_005.jpg
NH_18_100-years-of-Bauhaus_G_006.jpg
NH_18_100-years-of-Bauhaus_G_007.jpg
NH_18_100-years-of-Bauhaus_G_008.jpg
NH_18_100-years-of-Bauhaus_G_010.jpg

01. Bauhaus exhibition in Moscow, 1931
Bauhaus Archive, Berlin

02. Laubenganghäuser (balcony access houses) in Dessau-Törten e Ritratto di Philipp Tolziner, c. 1929–1930
Bauhaus Archive, Berlin

03. Members of the Hannes Meyer group in Moscow (Lusja Petrowskaja, Konrad Püschel, Tibor Weiner), 1932
Bauhaus Dessau Foundation

04. Antonin Urban, Perspective and wall elevations of the entrance hall of a living unit, 1935 (Riproduzione fotografica)
Modernist Archive, Bauhaus University, Weimar

05. Antonin Urban, Perspective and wall elevations of the bedroom of a living unit, 1935 (Riproduzione fotografica)
Modernist Archive, Bauhaus University, Weimar

06. Hannes Meyer, Untitled, c. 1925–1926
gta Archives / ETH Zurich, Hannes Meyer

07. Hannes Meyer, Sketch in the dummy for a Bauhaus book, n.d. (tra il 1949 e il 1954)
gta Archives / ETH Zurich, Hannes Meyer

08. Hannes Meyer e  Hans Schmidt, Swiss city Planners in the Soviet Union, 1932 (Brochure)
gta Archives / ETH Zurich, Hannes Meyer