Salone del Mobile Milano

Yaroslav Misonzhnikov

SC_SATELLITE_Yaroslav-Misonzhnikov_Landing.jpg

Perché hai intrapreso la strada del design?

Onestamente, non mi piace dire che "il design del prodotto è la mia vita", ma in effetti lo è. Sono interessato a risolvere alcuni problemi, a volte piuttosto complessi e apparentemente impossibili a prima vista. In particolare mi piace proporre nuove soluzioni, sia che si tratti di una piccola struttura per il filo di una lampada, sia di un progetto su larga scala per un complesso commerciale. La professione di product designer è estremamente interessante!


Tutti i tuoi progetti sono basati sulla ricerca di una riprogettazione degli oggetti tradizionali: è importante per te dare memoria agli oggetti contemporanei? Perché?

Molte persone iniziano a dimenticare tradizioni e storia. Molti dimenticano o non sono interessati alla storia del luogo in cui vivono, lo stesso accade con l’artigianato popolare. Alla fine del XIX secolo, nel villaggio di Abramtsevo, vicino a Mosca, un gruppo di famosi artisti ha fatto rivivere l’artigianato popolare. Ispirati dagli oggetti tradizionali che hanno trovato nei villaggi, hanno creato nuove interpretazioni contemporanee. Uno dei compiti che si sono prefissi è dar vita a oggetti semplici, facilmente imitabili dalla gente del posto che li copia per guadagnarsi da vivere. Quei pezzi sembrano molto minimalisti e moderni perfino adesso! Cerco di fare qualcosa di simile, ma su una scala più piccola e con una funzione più educativa. Riguarda questo, il progetto IZBA che abbiamo presentato durante il Salone del Mobile. (IZBA è un suo progetto con cui ha presentato otto designer russi indipendenti nel 2014. L'idea del progetto era di ricercare e ripensare una tipica abitazione russa - «izba» e le antiche tradizioni russe. N.d.r.)

Come sarà la nostra società in futuro?

Temo che sarà troppo informatizzata. Da un lato, abbiamo inventato tecnologie di ogni tipo per rendere più semplice la nostra vita - il programma Autocad ha reso la progettazione molto più semplice rispetto a quando le persone facevano disegni a mano libera. Ma gli architetti lavorano di meno? No, sembra che lavorino ancora di più! Da un lato, gli smartphone ti hanno dato una fotocamera di buona qualità e una mappa, disponibile in qualsiasi momento e ovunque tu ne abbia bisogno, d’altra parte, passiamo così tanto tempo sui social network… Molte persone si stancano di una vita così frenetica e si trasferiscono in provincia. Un mio amico, un architetto, l'ha fatto di recente. Ora sta ricostruendo il paese.

Vivi tra la Russia (San Pietroburgo) e la Germania (Amburgo): sono luoghi diversi dal punto di vista del lavoro?

Vivo a San Pietroburgo, ad Amburgo ho un socio. Così è successo che molti dei nostri prodotti sono stati ordinati da cittadini europei, quindi era logico aprire un ufficio all’estero. Stiamo parlando della vendita di prodotti finiti. Ma stanno arrivando anche nuovi clienti.


Sei anche curatore e critico di design: come fai a fare queste tre cose che richiedono ruoli ed energie diversi?

Il design, ovviamente, è l’attività principale, ma è successo che noi e un nostro collega abbiamo iniziato a realizzare progetti curatoriali, il progetto IZBA e Naturalist, che abbiamo presentato alle fiere europee. A un certo punto ho capito - chi altro? È importante far parte di questo ambiente. Alcune persone vengono da fuori, cercano di fare qualcosa, ma non sempre ci riescono.

SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_01_Zevaka_46.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_02_Zevaka_48.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_03_Zevaka_49.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_04_Zevaka_57.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_05_Ugol_5.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_06_Odnosvechnik_4.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_07_Treschotka_3.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_08_Katerina_1.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_09_Katerina_2.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_10_Katerina_14.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_11_Katerina_15.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_12_DLT_2.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_13_DLT_3.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_14_DLT_4.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_15_Fashion-installation-for-MEGA_03.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_16_Fashion-installation-for-MEGA_04.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_17_Fashion-installation-for-MEGA_05.jpg
SC_SATELLITE_G_Yaroslav-Misonzhnikov_18_Fashion-installation-for-MEGA_09.jpg

01. - 04. Zevaka, Table for lazy students, 2012 - Secondo classificato, SaloneSatellite Moscow Award. Foto: Olga Alexeyenko

05. Ugol, Lampada da tavolo, 2013 - Foto: Ksenya Poggenpohl

06. Odnosvechnik, Portacandele, 2014 - Foto: Mitya Ganopolsky

07. Treschotka, Cavallo a dondolo, 2014 - Foto: Mitya Ganopolsky

08.-10. Katerina, Ventaglio, specchio, pettine. 2016 - Foto: Mitya Ganopolsky, Vasily Bulanov

11.- 13. DLT, Scatola per biglietti regalo, 2017, Fork Production.
Foto: Mitya Ganopolsky 

15.-18. Installazione per lo shopping mall «MEGA» / IKEA, Saint-Petersburg, 2018 - Foto: Dmitry Tsyrencshikov, Pavel Franchishin