Salone del Mobile Milano

PEOPLE

Alberto Meda

L’idea giusta viene dal fare

Nato ingegnere si muove come direttore tecnico presso Kartell dal 1972 al 1979 seguendo lo sviluppo dei nuovi prodotti è con la lampada “Jack” (Luceplan, 1985), suo primo progetto, che da ingegnere del prodotto diventa progettista.

storie_Meda_990_001.jpg

Fondamentale nel suo lavoro “il contatto con il mondo scientifico perché un’idea, affinché possa essere messa in forma, si deve appoggiare su una fisicità, e la tecnologia (punto d’incontro tra scienza e tecnica) e i nuovi materiali rappresentano la tavolozza delle possibilità fisiche, in continua evoluzione”.

Continuo work in progress anche per un altro progetto d’affezione, la serie “Frame” (Alias, 1989): “un’intuizione costruttiva che ha poi generato una famiglia di prodotti che ancora oggi si arricchisce di nuove tipologie”.

storie_Meda_990_002.jpg

Caratteristica essenziale di un progetto “è che abbia senso, risolva bisogni o desideri nel tentativo di migliorare il benessere umano. Si parte per una strada e, a volte, strada facendo, ci si accorge che conviene cambiare direzione: l’idea giusta viene dal fare, anche dal fare incredibili sterzate. E questo è l’aspetto misterioso e affascinante”.

Sottrazione e riduzione, un alfabeto caro a molti designer:Il mio tentativo di semplificazione è già inscritto nelle possibilità delle tecniche che impiego: tecniche contemporanee che comportano una tendenza all’integrazione delle funzioni e alla riduzione delle parti componenti (come le plastiche o i metalli di fusione). Cerco di ottenere oggetti con un’immagine semplice, unitaria, ‘quasi organica’.

E l’innovazione? “Un prodotto innovativo non è mai il frutto del lavoro di un uomo solo ma bensì di una collaborazione, svolta in team: ci sono tante intelligenze in campo e ciascuno tutela il proprio ruolo, il proprio ambito di competenza”.

Il designer e l’imprenditore: un binomio importante. “È vitale essere in sintonia con l’imprenditore, ma il rapporto è delicato, perché il progettista è come un impollinatore che mette in contatto la creatività esterna all’impresa con le creatività che sono diffuse all’interno dell’impresa. Le aziende hanno i mezzi, l’esperienza specifica di settore, la conoscenza delle normative, dei vincoli economici e di mercato: sono quindi gli attori più adatti a verificare la validità dell’idea”.

Le nuove tecnologie? “Si sposta la scala concettuale perché ora è possibile intervenire sulla struttura "invisibile" della materia, manipolandola e creando prestazioni e fisicità nuove. Con le tecnologie digitali e le tecniche additive 3D printing si lavorano materiali diversi senza attrezzature costose che necessitano di grandi numeri per essere ammortizzate. Passando dagli atomi ai bit è possibile personalizzare i progetti realizzando "su misura" anche piccole serie e autoproduzioni, più adatte a un mercato che tende a rifiutare la standardizzazione .Questa maggiore libertà non toglie però al progettista la responsabilità dì pensare oggetti semplici, utili e belli”.