Salone del Mobile Milano

OVERVIEW

Design: visioni in divenire

Data la consueta ricchezza, varietà e validità delle idee, non è facile tirare le fila delle proposte presentate dai 650 designer partecipanti al SaloneSatellite del 2018. Ognuno merita un plauso personale, studenti delle 14 scuole presenti compresi. Nel confronto transnazionale, i linguaggi si mescolano e allo stesso tempo si distinguono gli idiomi. Forse non a caso, nell’anno in cui il tema lanciato dalla fondatrice e curatrice Marva Griffin Wilshire è stato “Africa & Latin America. Rising Design / Design Emergente”. Approfondito con una mostra-video collaterale (dedicata a 36 designer provenienti dalle due diverse aree geografiche e scelti dai curatori Fernando e Humberto Campana e Hicham Lahlou), per i giovani progettisti del SaloneSatellite voleva essere un suggerimento, un invito a guardare ciò che arriva a noi da lì e che sta catalizzando sempre più l’attenzione. La sollecitazione a una riflessione sul senso identitario ad ampio spettro e nello specifico del design, fra territorialità globali e radici culturali.
 

Innovare, migliorare la vita delle persone e della società, imparare dalla natura, connettere i sensi per celebrare la gioia della vita ed emozionare, creare esperienze e atmosfere fra funzionalità e gioco, sono alcuni dei filoni progettuali intorno ai quali sono nati i progetti. Dalla semplicità di suggestioni minimali, che dialogano con un senso della spazialità, alla ricerca formale trovata con invenzioni di stile e nuova decorazione è un insieme variegato che però all’unisono mette in primo piano materiali e tecnica. È entusiasmante notare che l’idea di sostenibilità sia talmente acquisita e insita nel processo progettuale, da essere il pensiero alla base di tutto. Sostenibilità è il fattore che unisce tutti, a qualunque latitudine, e rappresenta l’insieme dei pensieri positivi che esprime ognuno dei progetti di questi designer. Non è materia in discussione. Così come il rapporto fra artigianato e innovazione che sembrano di pacifica convivenza nell’epoca del Design 4.0.
 

A questo proposito, dati alla mano, un questionario interno promosso dal SaloneSatellite, e rivolto a tutti i partecipanti, ha rivelato una risposta praticamente paritaria alla doppia domanda: Il futuro del design è in dialogo con l’artigianato? (45,3%) / Il futuro del design è in dialogo con l’innovazione tecnologica? (54,7%). Detto questo, l’88,4% ritiene “abbastanza importante” la componente artigianale nei propri progetti e la quasi totalità si è trovata praticamente concorde nell’affermare che l’innovazione tecnologica lo è “molto” (49,5%) e “abbastanza” (45,3%). E già il 73,7% “qualche volta” realizza prodotti con macchinari ad alta innovazione tecnologica. Di contro, un dato non lusinghiero è che il 53,7% lamenta l’insufficienza delle competenze acquisite nel percorso di studi in materia, mentre il restante 46,3% si ritiene soddisfatto. Infine, sono in tanti a realizzare personalmente i propri prototipi (62,1%) e il 50,5% ha già sperimentato la prototipazione rapida e il 61,1% usa programmi di modellazione 3D. Ma l’85,3% non ha mai realizzato un progetto nell’ambito dell’Internet of Things. In fondo, intenti a rimediare i danni del passato, il futuro lo stanno costruendo loro, gli under 35. Sta a loro scegliere i modi per farlo. E a noi dare loro fiducia.

18_O_Satellite2018_FG_001.jpg
18_O_Satellite2018_FG_002.jpg
18_O_Satellite2018_FG_003.jpg
18_O_Satellite2018_FG_004.jpg
18_O_Satellite2018_FG_005.jpg
18_O_Satellite2018_FG_006.jpg
18_O_Satellite2018_FG_007.jpg
18_O_Satellite2018_FG_008.jpg
18_O_Satellite2018_FG_009.jpg
18_O_Satellite2018_FG_010.jpg
18_O_Satellite2018_FG_011.jpg
18_O_Satellite2018_FG_012.jpg
18_O_Satellite2018_FG_013.jpg
18_O_Satellite2018_FG_014.jpg
18_O_Satellite2018_FG_015.jpg
18_O_Satellite2018_FG_016.jpg

01. Visser & Meijwaard 
02. Stefano Carta Vasconcellos 
03. Co.Arch Studio 
04. Ilco 
05. Play House 
06. Chris Basias CTLights  
07. Pileup Life 
08. Stoft Studio 
09. Felicia Arvid 
10. Mutarq 
11. Michael Grobelny 
12. Tero Kuitunen / Hanna Anonen
13. Cecilia Xinyu 
14. Studio Ardete 
15. Tiany Shi 
16. Domenico Orefice 


Photo by findinGALILEO