Calvin Tsao

Shangai

Calvin_990.jpg

“Nel design e in architettura le tendenze abitative creano nuovi mood per il settore e determinano le modalità secondo cui lo spazio personale può influenzare lo stile di vita nel quotidiano. Come si stanno evolvendo l’abitare e il design oggigiorno? Quali sono le tendenze più significative che, a suo parere, definiranno ulteriori sviluppi del design?”

Design e architettura rispecchiano le società a cui ci rivolgiamo e si evolvono con il mutare di esigenze e desideri. Quando entriamo in sintonia con i sempre nuovi bisogni delle società, riusciamo a fornire il supporto giusto; quando, invece, i nostri progetti non rispecchiano questa comprensione il risultato è solo quello di presentare oggetti fantasiosi, scollegati dalle correnti culturali.

La globalizzazione è una corrente culturale fondamentale che spinge società diverse ad incontrarsi anche se non si capiscono; di conseguenza, i linguaggi visivi e relativi agli stili di vita vengono decostruiti per trovare un’estetica che sia globale, universale.

Il ruolo del design, in questo contesto, è quello di trovare un equilibrio tra la ricerca dell’universale e il rispetto del contesto locale, cosa che facciamo cercando di elaborare progetti che esprimano sistemi di valori chiari - in modo che la gente ci si possa collegare - ed enunciare i significanti culturali - in modo che le persone sappiano da dove questi provengono.

Così facendo, non scendiamo a compromessi in quanto a specificità regionali, pur continuando a cercare l’universalità.

“Il design contemporaneo cerca di entrare in contatto con i bisogni e le emozioni umane. Oggi la tecnologia gioca un ruolo importante nel design. Le tecnologie daranno una forma nuova al panorama del design?”

Sebbene le emozioni siano universali, i bisogni umani - e tutto quanto fa scaturire quelle emozioni - differiscono a seconda del contesto culturale. Questo noi lo dobbiamo capire prima di fare riferimento alla tecnologia per creare soluzioni specifiche. La domanda e gli obiettivi, che quelle soluzioni sono chiamate a soddisfare e realizzare, vengono ancora determinati dagli individui ed hanno pertanto bisogno di una spinta umana.

Il mio intento è dar forma ad una pletora di designer che conoscano meglio gli strumenti tecnologici a loro disposizione, ma che, al tempo stesso, lascino altrettanto spazio alla mano dell’uomo integrando tecnologia e artigianato.